700mo anniversario Dante: sulle strade del Sommo Poeta in Lunigiana

700mo Dante Alighieri

Comincia oggi un viaggio superbo e impegnativo in Lunigiana che ci vedrà impegnati fino a metà settembre, quando celebreremo ufficialmente il 700esimo anniversario della morte del Sommo Poeta.

Come dei novelli Dante percorreremo il sentiero che ci porterà alla conoscenza dei luoghi e degli eventi che hanno avuto un ruolo fondamentale nella stesura della Divina Commedia, luoghi in cui la storia e la leggenda si incontrano, affascinando a tal punto il poeta che guarderà alla Lunigiana sempre con pensiero nostalgico e appassionato.

Fu proprio grazie alle esperienze politiche maturate in seno alla corte dei Malaspina dello Spino Secco – che lo convocarono per siglare per loro conto un accordo di pace con il Vescovo Conte di Luni – che Dante ebbe la folgorazione del suo modello di filosofia politica, culminata con il trattato della Monarchia e riprese la stesura della Divina Commedia.

Proprio per questo Dante nutrirà verso i Malaspina una riconoscenza infinita che sancisce a imperitura memoria nell’elogio assoluto al Casato posto in chiusura del Canto VIII del Purgatorio.

 

«…Oh!…., per li vostri paesi già mai non fui; ma, dove si dimora per tutta Europa ch’ei non sian palesi? La fama che la vostra casa onora, grida i segnori e grida la contrada, sì che ne sa chi non vi fu ancora; e io vi giuro, s’io di sopra vada, che vostra gente onrata non si sfregia del pregio de la borsa e de la spada. Uso e natura sì la privilegia, che, perché il capo reo il mondo torca, sola va dritta e‘l mal cammin dispregia.» (Purgatorio canto VIII)

lapide commemorativa Dante
Lapide commemorativa a Mulazzo, Lunigiana, presso la casa di Dante in Lunigiana. Ph. Daniela Tresconi

A parte Firenze, dove è nato e Ravenna dove è morto, nessun altro luogo all’infuori della Lunigiana può vantare orma certa del Poeta a 700 anni dalla sua scomparsa.

Noi percorreremo queste strade dell’antica Lunigiana storica, lungo le sponde del fiume Magra, dalla foce fino alla fonte, alla ricerca delle impronte del Sommo Dante, districandoci tra sentieri impervi, borghi arroccati, manieri ridotti in rovina, castelli e monasteri, seguendo il filo della storia e della fantasia popolare.

La verde Lunigiana
La verde Lunigiana. ph. Daniela Tresconi

E anche noi come Dante saremo accompagnati dal nostro Virgilio: Mirco Manuguerra fondatore del Centro Lunigianese di Studi Danteschi (http://www.lunigianadantesca.it/ )che ci ha suggerito il percorso del nostro viaggio, fornendoci una mappa precisa delle strade di Dante in Lunigiana e che ringraziamo di cuore.

Partiremo dai luoghi dell’ospitalità, quali Mulazzo, Villafranca in Lunigiana e Giovagallo (ora Tresana), per arrivare ai luoghi della Pace di Dante: Castelnuovo Magra e Sarzana.

Concluderemo il nostro viaggio cercando i luoghi delle citazioni e della tradizione: Pontremoli, la Val di Magra, Fosdinovo, Ponzanello, Bocca di Magra e altri che vi sveleremo in seguito, suggerendovi anche qualche spunto di leggenda per la ricerca del manoscritto originale della Divina Commedia.

Alle tappe di questo nostro tour, uniremo anche delle «lectio magistralis» sulla Divina Commedia tenute dal Presidente del Centro lunigianese di studi danteschi Mirco Manuguerra, in diretta sulle nostre pagine facebook.

Piccole pillole che ci forniranno interessanti spunti di riflessione sull’artista, l’abile diplomatico e l’uomo simbolo dell’Italia nel mondo, e renderanno omaggio ai luoghi e alla Casata che ha offerto a Dante un rifugio attivo lontano dalle beghe politiche della natia Firenze.

Partiremo dal borgo medievale di Mulazzo, in provincia di Massa Carrara, considerato il centro dell’ospitalità Dantesca in Lunigiana; qui il tempo sembra essersi fermato all’epoca in cui era capitale del ramo malaspiniano dello Spino Secco, in queste strette e silenziose viuzze ti immagini da un momento all’altro di incrociare il Poeta con l’amico e mecenate Moroello Malaspina e proprio qui ha sede il museo «Casa di Dante in Lunigiana».

Non perdete gli appuntamenti dell’Ordinario, vi sveleremo luoghi inconsueti e vi faremo conoscere un Dante quanto mai attuale e per cominciare vi invitiamo a segnare in agenda un primo interessante appuntamento che avrà luogo proprio nel Borgo di Mulazzo.

Sabato 12 giugno 2021 alle ore 10.30 avrà luogo l’inaugurazione della Via Dantis: nove stazioni realizzate dallo scultore Giampietro Paolo Paita su progetto del Centro studi danteschi. Un evento europeo, patrocinato dalla Commissione Ministeriale per le celebrazioni del 700 anni della morte di Dante Alighieri.

Pronti a viaggiare insieme a noi?

Si parte.

 

 

Condividi questa pagina:

lascia un commento

L'Ordinario

Da non perdere