La Palermo viscerale di Letizia Battaglia in mostra a Livorno

L’allestimento della mostra fotografica di Letizia Battaglia al Museo Fattori di Livorno, una selezione degli scatti più intensi e drammatici di una straordinaria carriera, non poteva lasciare indifferente L’Ordinario.

Una mostra promossa dalla Fondazione Carlo Laviosa di Livorno, in collaborazione con il Comune di Livorno dedicata a una della fotografe contemporanee più conosciute; Letizia Battaglia – un’artista e una testimone del nostro tempo, soprattutto della sua Sicilia – è stata la prima fotoreporter italiana insignita di premi prestigiosi come il Premio Eugene Smith a New York nel 1985 e il Mother Johnson Achievement for Life nel 1999. Nel 2017 il New York Times la inserisce tra le 11 donne più straordinarie dell’anno.

Nei cinquanta scatti in bianco e nero esposti al Museo Fattori, la Battaglia ci racconta lo splendore e la miseria della sua Palermo, le morti di mafia, gli attentati, ma anche la vita dei quartieri, le tradizioni, i riti. Una narrazione di grande impatto emotivo che passa attraverso i volti dei bambini che giocano nei vicoli con le pistole, piccoli emarginati che non frequentano la scuola, che lavorano, ma che ancora mantengono intatto uno sguardo incantato e innocente.

I due Cristi (Ph Letizia Battaglia)

Tanto altro raccontano gli scatti dedicate alle donne, quelle povere che non hanno di che sfamare i propri piccoli, quelle ricche, appartenenti a una nobiltà decadente, le madri, le mogli che piangono disperate i propri cari uccisi da Cosa Nostra, prostitute e pie devote in adorazione di Cristo, in un crescendo drammatico fino alla foto di Rosaria Schifani, moderna Madonna sofferente.
La Battaglia con le sue foto ci testimonia i cosiddetti ‘anni di piombo’, le stragi di mafia, gli attentati, i volti dei boss, da Luciano Liggio a Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, i politici collusi, fino agli scatti dedicati a chi, con la vita, si è opposto a Cosa Nostra: Boris Giuliano, Ninni Cassarà, Piersanti Mattarella, Giovanni Falcone.

La sposa inciampa nel velo (Ph Letizia Battaglia)

Una serie di fotografie che non sono solo testimonianza ma partecipazione: davanti a questi scatti si entra a contatto con il dolore, la sporcizia delle strade. Sembra di essere lì, di entrare nel cuore pulsante di Palermo, di avvertire empaticamente il dolore delle madri e delle vedove.
Questo il grande talento della Battaglia, che dice: “Una fotografia è te stessa che ti inserisci nel mondo. È il tuo cuore che batte, la tua testa che pensa. Trasformi il mondo secondo quello che sei”.
Una mostra imperdibile, che avete tempo di visitare fino al 15 Marzo.

lascia un commento