Dawid Planeta, l’artista che combatte la depressione attraverso la propria arte

Oggi vi parliamo di un giovane designer e illustratore polacco, Dawid Planeta, conosciuto come l’artista che combatte la depressione attraverso la propria arte, esteriorizzando e condividendo le angosce tramite le illustrazioni. Nato a Cracovia nel 1990, si laurea in Disegno Industriale all’Accademia di Belle Arti della sua città e lavora come insegnante d’arte e libero professionista. Uno dei suoi progetti più importanti è stata la creazione di un’illustrazione per la festa di Halloween in occasione del 375° anniversario di Montreal, in collaborazione con LG2, un’importante agenzia del Canada.

Minipeople in the jungle sono le illustrazioni visionarie, in bianco e nero, dove strane creature vagano in paesaggi notturni, e figure umane senza volto si trovano ad affrontarle: è la metafora con cui questo artista ci narra la sua lotta alla depressione. Animali mastodontici dagli occhi brillanti ed esseri umani che si avvicinano a essi, quasi a sconfiggere il terrore che provocano e a tentare di andare oltre la paura. Un modo artisticamente potente di narrare l’incontro con le proprie angosce, nelle fattezze di colossali bestie. L’attraversare un bosco immaginario, buio e nebbioso, è l’attraversare la sofferenza e l’oscurità della depressione.

Con Dawid abbiamo fatto una lunga chiacchierata, leggete cosa ci racconta.

Sei nato in Polonia nel 1990, durante il periodo di transizione verso la democrazia. Cosa ne pensi di quel periodo storico e quanto è stato importante per te crescere in un paese libero?

È difficile apprezzare davvero qualcosa che è sempre esistito. Il mondo in cui vivevo era l’unica realtà che conoscevo e le storie dei miei genitori su ciò che era prima erano solo storie del passato. Non puoi comprendere appieno qualcosa che non hai mai sperimentato. La cosa che potevo sperimentare era l’ansia per i cambiamenti avvenuti senza alcuna preparazione psicologica della società e il crescere nel periodo di massima incertezza e crisi economica. Prima di questo, ogni uomo aveva un lavoro e un appartamento. Tutti erano uguali, non importa quanto impegno mettessero nel loro ruolo sociale. Per molte persone era un sistema molto semplice. Non ha richiesto alcuna istruzione o abilità speciale. Dopo la trasformazione, tutto è cambiato. Ogni cittadino ha acquisito nuove opportunità, ma è vero anche che molte persone hanno perso i loro vecchi privilegi, e ancora oggi non riescono ad accettarlo. Quando sei giovane, sai così poco del mondo reale, vivi nel parco giochi creato dai tuoi genitori che ti proteggono da certe realtà. Crescere in un paese libero certamente li ha aiutati a creare una realtà migliore per me, probabilmente meglio di quanto abbiano mai fatto. Ciò pone una domanda interessante: come puoi insegnare ai tuoi figli qualcosa che non hai mai vissuto?

Graphic designer, illustratore, artista; c’è un filo comune che unisce le tue opere?

Diamo un’occhiata da una prospettiva ancora più ampia, concentrandoci non solo sulle attività che definiamo artistiche, ma sulla vita dell’artista stesso. Essere un artista non è solo creare opere d’arte o avere abilità uniche, ma esprimere qualcosa che non può essere espresso con parole semplici. Pensa alla bella melodia che ti fa dimenticare dove sei per un momento e immergiti nel mondo delle emozioni pure. Questa melodia è qualcosa che ti guida, qualcosa che segui per tutta la vita, e la parte più difficile è essere pronti a seguirla ogni volta che ti dice di andare. Non è sempre logico, ma se hai fiducia ti porterà esattamente dove devi essere per ottenere quello che vuoi. E per “cosa vuoi” non intendo quello che pensi di volere, sto parlando della chiamata del tuo cuore. Essere un artista è imparare tutto il tempo, cambiare direzione e provare nuove cose. È come camminare in una stanza buia alla ricerca di un interruttore della luce: una volta trovato, tutto ha un senso. Poi vedi un’altra porta e ricomincia. Nel processo, molte volte agirai in un modo che le persone non capiscono, ti criticheranno o cercheranno di dirti cosa fare, ma è perché non sentono la melodia che ti guida. Seguono la loro. Oppure si sono persi nel mondo della mente pensante, correndo dietro alle cose di cui pensano di aver bisogno. Il filo conduttore in tutto ciò che faccio è il fatto che sto provando a sentire la chiamata del cuore e seguirla, perché una volta che sei sul tuo cammino puoi ispirare gli altri, farli pensare, farli sentire, e magari anche aiutarli a trovare la melodia che hanno perso a un certo punto della loro vita.

Quali sono le tue opere più famose? E quali sono le opere a cui sei più legato?

I lavori a cui sono più legato sono i miei collage di alcuni anni fa, penso che fosse il 2016, anche se non ne sono davvero sicuro. Li ho fatti con le vecchie foto trovate su Internet che ho stampato e imbevuto di tè per dare loro questa sensazione vintage. Poi li ho tagliati a pezzi e li ho usati per organizzare qualcosa di nuovo. Era la prima volta che provavo vera eccitazione nell’esprimere qualcosa che sentivo profondamente dentro. Le immagini mi hanno fatto connettere alle mie emozioni profondamente nascoste che non sapevo nemmeno fossero ancora lì. Il momento in cui ti rendi conto di aver trovato un modo per connetterti al tuo subconscio è molto speciale. Sblocca qualcosa in te. Queste opere prefigurano anche i miei ultimi problemi con la depressione e l’ansia.

Il tema della depressione ritorna nel mio progetto più popolare, i Minipeople; è una storia sulla giungla, una metafora per il misterioso mondo delle tue emozioni che lentamente dimentichi mentre invecchi. Quando sei giovane, visiti la giungla ogni giorno – vivi nel mondo delle emozioni – conosci ogni posto, ogni animale, ti senti al sicuro. Quando invecchi, impari a nascondere le tue emozioni perché sono “cattive”, non vengono accettate. Impari a seguire le regole, a fare ciò che dovresti fare. Le mie opere raccontano il tornare nella giungla per ritrovare te stesso. È un viaggio che va dalla paura all’essere smarriti dall’emozione che proviamo quando esploriamo qualcosa di bello e misterioso.

Sei conosciuto come l’artista che combatte la depressione attraverso le immagini; dicci cosa è la depressione per te e come l’arte può combatterla.

La depressione non è qualcosa con cui puoi combattere – quando combatti con qualcosa, ti stai coinvolgendo. Più sei impegnato, più diventa importante. Presto tutto ciò che puoi vedere è il problema che hai creato nella tua mente e nient’altro. Per me la depressione è il momento in cui lasci che i tuoi sentimenti soppressi ti avvelenino per così tanto tempo che non puoi più sopportarlo. Colpisci il vicolo cieco e non sai cosa fare. C’è un detto che l’unica via d’uscita è attraverso – ed è esattamente quello che devi fare. Inizia a esprimerle in qualsiasi modo tu voglia, in ogni modo possibile. Parlane, scrivici, canta, dipingi o disegna ciò che senti. Ti aiuta a vedere le cose da una prospettiva diversa. Il dolore è anche legato all’aver lasciato una parte di te stesso – è sempre difficile, anche se sai che devi lasciarlo crescere. Ma ogni volta che lo fai, diventi più forte.

Sei da poco tornato da un viaggio in Colombia. Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

Quando costruisci la tua vita intorno agli stessi compiti ripetitivi, vedendo le stesse facce ogni giorno, la tua mente si spegne lentamente e inizi ad agire automaticamente. Puoi sentire quando succede perché la melodia che ti guida inizia a svanire. Inizi a sentirti perso, non sapendo dove andare e cosa fare. Viaggiare è il modo di svegliare la mente, di essere qui e ora. Tu sei più concentrato, più vivo e la mente sta trovando la melodia perduta che ancora una volta la apre a tutte le opportunità: vedi di più, senti di più e impari più velocemente. La mente sta tornando allo stato di curiosità di un bambino piccolo.

Sei mai stato in Italia? Hai relazioni particolari con il nostro Paese?

Sono stato in Italia solo una volta, quando ero al liceo. Sono andato con mio padre, ho passato una settimana a Venezia, girando, fotografando e respirando la magia. È stata una grande esperienza che è ancora molto vivida nella mia memoria e spero di tornarci un giorno.

lascia un commento